Gli orrori grammaticali più terrificanti di sempre
On 12/10/2018 | 0 Comments | curiosità, Suggerimenti | Tag:,
Condividi

Sarà colpa dei social, della scuola che non insegna più come un tempo o del cosiddetto analfabetismo funzionale, ma sta di fatto che di orrori grammaticali ne è ormai (tristemente) pieno il mondo.

Lo sa bene chi per lavoro è costretto (in alcuni casi si tratta di vere torture intellettuali) a correggere bozze o elaborati scritti in cui gli svarioni abbondano. E che svarioni! A tutti può capitare una svista, uno strafalcione o un errore di battitura, ma ci sono dei limiti ben precisi oltre i quali l’errore è sinonimo di pura e semplice ignoranza.

Ai primi posti nella classifica delle regole grammaticali più maltrattate v’è l’uso dell’apostrofo, a volte dimenticato, altre messo a sproposito: un’altro anziché un altro o, viceversa, un altra anziché un’altra; qualcun’altro al posto di qualcun altro, d’appertutto anziché dappertutto, non c’è la faccio anziché non ce la faccio, e poi il classico, intramontabile, qual’è mentre invece si scrive qual è.

Proseguiamo nella galleria degli orrori con la terrificante storpiatura dei pronomi: “gli dico” riferito ad una donna (ripetiamo tutti insieme: LE dico). E poi propio anziché proprio, pultroppo anziché purtroppo, cesario anziché cesareo, salciccia anziché salsiccia.

Un’ultima prece, infine, per il congiuntivo, questo illustre sconosciuto. L’importante non è che tu hai fatto qualcosa o meno, ma che tu (al massimo) l’abbia fatta.

Ma perché la tendenza degli ultimi anni (diciamo pure decenni) è quella di commettere simili orrori grammaticali?

Non sarà che, ma forse, ma sì, insomma non si legge più? Che quei cari e polverosi agglomerati di carta stampata un tempo noti come libri sono stati definitivamente relegati a riempitori di scaffali, ma solo perché fa figo esporli in casa per darsi “un tono”? Come per ogni cosa, anche la parola scritta ha bisogno di esercizio, di essere coltivata e adulata. Ormai non se la fila più nessuno, non è più cool, è da sfigati scrivere un testo che vada oltre lo stringato e succinto messaggino su whatsapp, quando va bene, figuriamoci leggere.

Non c’è da meravigliarsi allora del proliferare di cotanta ignoranza. Forse è giunta l’ora di porsi delle domande sull’indirizzo che stiamo prendendo, sugli effetti collaterali di questa digitalizzazione di massa.

E, dopo averlo fatto, spegnere il pc ed aprire un buon libro.

Leave a reply