Steampunk: un genere tutto da scoprire!
Condividi
  • 13
    Shares

Cari amici di Storybox, vi siete mai chiesti quanti universi narrativi paralleli possano esistere? Se è vero che con le parole e la fantasia si può arrivare lontano… perché non farlo davvero e non iniziare a esplorare mondi nuovi e affascinanti? Oggi vi portiamo alla scoperta di un filone a noi molto caro: lo steampunk. Se siete curiosi di saperne di più non vi resta che leggere tutto d’un fiato!

Ambientato nella Londra vittoriana, lo steampunk è un filone della narrativa fantascientifica – in effetti spesso ne viene considerato un sottogenere – la cui nascita si tende a collocare in occasione dell’edizione de La notte di Morlok di K.W. Jeter nel 1979.

Ciò che caratterizza questo genere è la particolare attenzione che i suoi scrittori dedicano a ricostruire la tecnologia propria del periodo vittoriano, che sia autentica, teorica ma, perché no, anche solo cinematografica. Allora ecco che la trama si affolla di strani marchingegni meccanici e a orologeria, ingegnose macchine a vapore o differenziali, tutto azionato grazie alla forza motrice del vapore (in inglese “steam” da cui il nome di questo genere).

La chiave d’accesso che vi aiuterà a comprendere e a calarvi appieno in questo curioso mondo è una domanda: come sarebbe stato il passato se il futuro fosse accaduto prima?

Una volta che avrete compreso la natura di ciò che vi state accingendo a leggere, preparatevi a incontrare, capitolo dopo capitolo, società segrete e loschi complotti, avvincenti avventure che vi faranno correre tra le pagine senza fiato!

Un sottogenere molto particolare è lo Steampunk Fantasy o Steamfantasy. L’ambientazione tecnologica si trasferisce ad animare mondi fantasy diversi dal pianeta Terra e non solo versioni alternative del nostro mondo e dell’800 con elementi fantasy.

Con il tempo, sul finire degli anni ’90, il genere dello steampunk ha iniziato a non essere più associato al solo mondo fantascientifico ma anche ad altre forme di narrativa fantastica “tradizionale” o con elementi horror.

…Vi abbiamo incuriositi? Bene, ci pensiamo noi a iniziarvi a questo fantasmagorico mondo di avventure a vapore! Tra i titoli nati qui in casa Storybox scoprite  ll Fuoco Segreto di Altea – Gli Arconti Ombra, la nostra saga fantasy con elementi steampunk! Leggetelo in fretta perché il primo volume è già disponibile (in edizione cartacea e digitale) e presto – molto presto – potrà essere fisicamente nelle vostre mani il secondo… siete pronti?

Comments 2
Luca Gandolfi Posted 18/09/2018 at12:02   Rispondi

In realtà, bisogna sapere che lo steampunk non solo nasce nel periodo stesso in cui è ambientato: Londra e Parigi alla fine dell’800…certe suggestioni dell’Expo del 1881, come la Tour Eiffel…e un autore, Robida, il rivale di Jules Verne, che scriveva e illustrava romanzi ambientati nel 20° Secolo a venire con televisori, aereo-diligenze, palazzi con terrazze raggiungibili solo in volo, e altre cose oggi scontate, ma realizzate con la meccanica di allora; ma in un romanzo oggi ormai sconosciuto, “The mummy” di Mary Webb, degli Anni ’20 del 19° Secolo, dove viene recuperata una mummia che poi se ne va in giro per Londra (un antenato delle più moderne storie sulle mummie), si trovano non solo il televisore, ma anche la video-chat (il romanzo è ambientato nel 2200).

story Posted 18/09/2018 at12:16   Rispondi

Grazie Luca per il tuo interessante contributo! Molto bello questo effetto specchio: dal passato arrivano immagini ‘sognate’ del nostro presente e noi del presente ci voltiamo indietro e sogniamo un passato parallelo, immaginario ma comunque possibile. La scrittura è anche questo!

Leave a reply