Graphic novel: i nostri consigli
On 23/03/2018 | 0 Comments | graphic novel, Suggerimenti | Tag:, ,
Condividi
  • 3
    Shares

Quando si sente parlare di graphic novel, spesso si fa l’errore di considerarla una produzione minore all’interno del panorama editoriale. Quello di cui ci si dimentica è che, a discapito di una forma che può sembrare più “leggera” ed immediata rispetto ad un romanzo vero e proprio o ad una saggio, le dinamiche che ne decretano la nascita sono esattamente simili. Per dirla più chiaramente: il lavoro c’è e si vede, in tutti i sensi!

Di seguito cercheremo di fare chiarezza rispetto agli elementi più importanti che la caratterizzano e chissà che qualcuno non ne possa trarre ispirazione…

1) La storia: non lasciatevi trarre in inganno dalla bellezza delle pagine, la storia è fondamentale. A meno che non si tratti di una raccolta, viene da sé che debba autoconcludersi e sviluppare i temi principali in maniera coerente. Non importa che il soggetto sia realistico, fantastico o simbolico, storico o contemporaneo, l’importante è che sia appassionante. Come nelle forme più classiche di narrativa la presenza di un colpo di scena può sempre essere una buona idea per mantenere sempre alta l’attenzione del lettore!

2) I personaggi: devono avere una caratterizzazione ben definita perché non avrete modo di fare lunghe digressioni per spiegarne le caratteristiche. È a partire da loro che si anima la storia.

Asterios Polyp di David Mazzucchelli

3) Disegno e colori: inutile dire che sono l’anima del prezioso volume che andrete a stringere tra le mani. Sono i vostri alleati più importanti perché vi permetteranno di giocare con i contrasti ed esprimere ciò che non potrete dire “a parole”. I colori poi, sono un’arma segreta… creano l’atmosfera e possono valere come codice per rendere subito riconoscibili sensazioni, stati d’animo, caratteri, e tanto altro…sbizzaritevi! Soprattutto ricordate di prestare molta attenzione alla copertina che deve essere in grado di racchiudere e rappresentare lo spirito della vostra opera.

4) Il testo: cercate di equilibrare bene il delicato rapporto che si crea tra immagini e parole e attenti a non esagerare. Il confine tra un libro illustrato ed una graphic novel esiste, e bisogna tenerne conto. Il testo ci deve essere, è essenziale, ma non fatevi prendere la mano.

5) Stile e sperimentazione: per un momento dimenticate (quasi) tutto quello che avete letto fino ad ora. Cercate la chiave di volta della vostra espressione, qualcosa che diventi il vostro tratto distintivo. Questo genere si presta molto bene ad essere reinterpretato secondo temi ed estetiche sempre nuove e sorprendenti. Incuriosite, raccontate, stupite, appassionate… e, soprattutto, divertitevi!

 

Leave a reply