Musica e Graphic novel: esempi di un binomio perfetto
On 16/03/2018 | 0 Comments | musica, novità, Suggerimenti | Tag:, , , ,
Condividi
  • 5
    Shares

Ci sono dei connubi che sono duri a morire. All’interno della cultura pop contemporanea, quello che unisce la musica e le graphic novel è forse uno dei più interessanti soprattutto quando a essere portata alla luce da questa operazione di creatività a 360° è la cultura underground che, neanche a dirlo, trova terreno fertile tra le pagine di questo genere di produzione “di nicchia”.

Oggi passeremo in rassegna alcuni degli esempi più interessanti che realizzano, in tutta la loro bellezza, quella magica sinergia che si può creare tra musica e immagini.

 

Storie di rock…e non solo!

Iniziamo con qualcosa che arriverà presto sul mercato: stiamo parlando di due grapich novel dedicate a due tra le band storiche di Manchester, Joy Division e Smiths. Ai primi sarà dedicato un fumetto firmato da Brian Gorman dal titolo New Dawn Fades. Dopo dieci anni di lavoro, finalmente l’opera è prossima alla pubblicazione grazie anche alla campagna di crowdfunding avviata su Indiegogo. Il periodo d’uscita previsto è, infatti, aprile per l’editore Six Books.

Tales of the Smiths: A grapich BiographyProssima a uscire in libreria è Tales of the Smiths: A grapich Biography (Omnibus Press) che, proprio come ci suggerisce il titolo stesso, racconterà la storia degli Smiths.
Degna di particolare attenzione è, oltre la straordinaria firma di Con Chrisoulis, l’introduzione a cura di Simon Wolstencroft, già batterista dei The Fall, che pare non sia entrato a far parte degli Smiths perché non gradiva particolarmente la voce di Morrissey!

A seguire, parlando di musica e fumetti, non possiamo non citare le due opere di Reinhard Kleist, dedicate rispettivamente a Johnny Cash – e che titola, appunto, Cash – e a Nick Cave dal titolo Nick Cave: Mercy On Me.

Particolarmente divertente è la serie a fumetti scritta e disegnata da Bryan Lee O’Malley dedicata alle avventure di Scott Pilgrim, che poi è anche il titolo della collana. La musica qui è la colonna sonora delle pagine che leggerete e a completare ironia, un tocco manga, una strizzata d’occhio al mondo dei supereroi e tanto comics underground americano…se non sapete di cosa stiamo parlando è arrivato il momento di recuperare! Se invece lo avete già letto o state per farlo, sicuramente non potrete perdervi il film tratto dai fumetti Scott Pilgrim vs. the World!

 

Italians do it better!Cinque allegri ragazzi morti

E ora guardiamo all’Italia con due bellissimi esempi del genere.

Il primo è Ballata per Fabrizio De Andrè di Sergio Algozzino. Non una biografia ma un omaggio impreziosito da un lavoro formale eccellente che fa sì che il “personaggio” arrivi al lettore pur senza la sua comparsa effettiva nella storia.

 

Non possiamo che concludere in bellezza questo breve excursus scegliendo di citare Davide Toffolo, fumettista e frontman della band indie I Tre Allegri Ragazzi Morti. Dalla sua matita e dalla sua penna sono nate canzoni bellissime e le avventure, seriali, dei Cinque allegri ragazzi morti. Non possiamo che consigliarvene caldamente la lettura…e l’ascolto!

 

Leave a reply